In questo grande mondo dove pare si possa viaggiare gratis per il mondo grazie alla propria popolarità su Instagram (Noi? Gelosi? Mai!), è davvero rinfrancante leggere una storia che non comprende nessuna app o social network.

Melissa Roy ha appena completato la sfida che si era posta a 29 anni- cioè riuscire a visitare 100 nazioni prima di compierne trenta.

Ha spiegato la sua decisione ad Insider, dicendo: “Ho avuto una crisi di mezza età precoce poco prima di compiere 30 anni, e pensavo, ‘ non sono sposata, non ho bambini, ho bisogno di fare qualcosa di davvero interessante prima di compiere 30 anni- cosa dovrei fare?’ Ed ecco come tutto è iniziato.

E la parte migliore è che Melissa ha trovato parte dei suoi viaggi a modo suo, pagando per I voli e trovando modi intelligenti di risparmiare denaro riguardo all’alloggio.

Nessun hotel a 5 stelle in cambio di foto su Instagram qui, invece, Melissa ha approfittato di couchsurfing – un’applicazione che connette I viaggiatori con le persone del luogo che sono disponibili ad ospitare uno sconosciuto per qualche giorno sul loro divano.

Melissa ha detto che lei ha amato couchsurfing perché “E’ come avere un biglietto VIP per una nazione. Entrare in contatto con la gente del luogo per tre giorni è un’esperienza più gratificante che rimanere in hotel per due settimane”

Melissa è riuscita a raggiungere quota 100 e ha speso il suo trentesimo compleanno in Antartide, e da quel momento ha visitato alter nove nazioni e aspira a visitare tutto il mondo ad un certo punto della sua vita.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *